Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/20

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


Quanti oprime la fede, e l'inocenza,
    E dà rechia, e fomento a l'impostura!
    E, s'Avarizia, e autorità congiura,
    100Forz'è, che la Giustizia habia pazienza.

Quanti, che par la cortesia medema,
    E ve fà sù le galte i squaquarini,
    Hà de Nibio le man tute rampini,
    104E sempre pensa à qualche stratagema?

Mà che sarà, quando sarà prefisso
    Ch'habiè a la Tera el vostro corpo reso?
    No' portere de l'oro altro, che'l peso,
    108Che ve profonderà forsi a l'Abisso.

Forsi a l'Eternità v'avre le porte
    L'oro, ch'è vostra Deità terena?
    Chè sarà? che sarà? Con borsa piena
    112Credeu comprar l'indulto de la Morte?

Savè che semo pelegrini al Mondo,
    Che no' n'è nostra Patria, e alfin se lassa
    Tuti i possessi; e dal vegiar se passa
    116A letargo mortifero, e profondo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/20&oldid=62861"