Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/190

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Hò visto una cert'ombra. O cancarelo!
     Voi che ridè, se fazzo un colpo bravo!
     Qualcossa coa! cassì che'l marzo cavo?
     300Cassì che a i Mati fazzo far cervelo?

Farò che segua i fati ale promesse.
     Che la prega pur Dio che no'l sia vero.
     Ma che vuol dir che v'havè messo in squero?
     304Ben balorde saria chi ve credesse!

Ve lasso imaginar, se a sti costumi
     Se possa viver quieti, e alegramente.
     E tante de ste strazze se ne sente,
     308Che far se poderia grossi volumi.

Come donca, in sto termine de cosse,
     L'Homo d'haver Mugier puol mai vantarse?
     Frà i so' possessi ela no' puol contarse:
     312Guardè mo vù, se'l Diavolo hà la tosse!

Chi è in man de Turchi hà manco trista sorte.
     Chi è al remo, o soto chiave, hà manco tedio.
     L'oro, e'l tempo a ogni mal puol dar remedio!
     316Ma quà no' dà ceroto altri, che Morte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/190&oldid=62850"