Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/189

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Diavolo grando! è forsi l'hora questa?
     O missier nò, che in st'asio no' la vogio.
     Darà chi no' se'l pensa in qualche scogio:
     280Senza saon ghe laverò la testa.

Tuta la santa sera in sto Deserto
     Romita hogio da star? chi me consegia?
     Penseve pur, che adesso, che se vegia,
      284No' vogio in Casa inetichirme certo.

Vogio anca mi Comedie, Opere, e Feste,
     E pensevelo pur de compagnarme.
     Voreu forsi la mare anca secarme
     288Co scuse vane, e mendicae preteste?

Scorleu per sorte el cao? Se qualche Sporca
     Mostrasse de bramarve in compagnia,
     O come lesti mai se coreria!
     292Sò che le tiressè zò dela forca.

Ma, se qualcuna me ne dà per tresso,
     Che'l Diavolo la guida a darve terzo,
     Vogio farve sentir qualche bel scherzo.
     296L'è mal nassua, se me ghe meto apresso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/189&oldid=62848"