Salta al contegnùo

Pagina:Il dialetto e la lingua - Antologia vernacola.djvu/63

Da Wikisource
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.
EL PITORETO1


PITI E GALINE

Stanote ò fato un sogno malingreto
     tuto impastà de piti e de galine
     co 'na mota de mostri e de putine,
     che zugava cantando intorno al leto;
e mi che qualche volta g’ò ’l difeto
     de scrivar de le storie birichine,
     vôi scrivarte sto sogno senza fine,
     parchè te ghe ne fassi un bel quadréto.
Un quadreto de quei cussì ben fati
     coi putini descalsi e stramanadi
     coi piti, le galine, i cani e i gati,
con le mostre dai rissi sgrendenadi;
     un quadreto de quei, senza magagna,
     che te canta la vita de campagna!


EL SOGNO

«Senti che ciasso! Ci è che me spaventa
     el polame zo in corte stamatina?...
     senti che ciasso,.... guarda che rovina,
     se pol saver ’sa i fa con quela brenta?
Guarda, putina, ascolta, stame attenta....
     Ei là, quel mostro: - mola la galina!
     Madona, cossa fálo?... Ne la tina
     ancor viva el me la scaraventa!
Ma adesso cossa fálo sto balengo?...
     No te vedi ch’el ’nega anca quel pito!
     Bruta canaja; speta mi,... remengo;
de far el mato questo no l’è ’l sito;
     adésso in du minuti vegno abasso
     e te riduso, mi, com’un stramasso».


Adesso che sto sogno l’è passado
     e de lu no me resta che ’l ricordo,
     penso a quel mostro che faseva ’l sordo
     ’negando el me polame desgrassiado.
Penso a quel mostro, come l’ò sognado,
     risso de testa, con quel far balordo,
     e tra de mi no posso far l’acordo
     par decidar de çerto ci l’è stado.
Ma mentre, caro Sandro, che te vedo,
     ancora con quel far da puteléto
     el mostro ch’ò sognado mi te credo.
Sì, par questo te ciamo el pitoreto,
     ma pitoreto senza 'na magagna
     che pitura la vita de campagna!

Beppino Peruzzi


Monteforte d’Alpone, primavera 1923.
  1. Chi sia el pitoreto già disse Berto Barbarani: «I tacchini sono la specialita del Pittore Sandro Zenatello, di Monteforte, e coi tacchini i pulcini e le oche e gli anatròttoli; così egli con arte e verità dipinge di codesti abitatori di cortile i funerali, gli amori, le liti e le orchestre e tutto con evidente umorismo. Il pieno accordo nei quadri di lui tra la folla dei contadinelli e la famiglia gallinacea, sui prati erbosi, tra le spighe, o sugli argini dell'Alpone, con un fondo di campi arati e di vigneti in collina coi Lessini lontani — è rilevante, è armonioso. Sono gustose georgiche, graziose e caratteristiche, modeste e piene di letizia e di pace, di bontà e penosa tenerezza».
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_dialetto_e_la_lingua_-_Antologia_vernacola.djvu/63&oldid=70199"