Pagina:I sogni.djvu/91

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



6.°

L'è la ciesa de Nazaret,1
dove che San Gaetano
— come porta la lapide2
4s'à fato servir messa!

Adesso l'è del vescovo,
e da no so qual ano
i laorenti3 del vescovo,
8la 'dòpara a barchessa,4

con de i busi briganti
ne le coste de i santi...

  1. Nazareth. — Antica villeggiatura urbana dei vescovi, che risale al principio del sec. XIII col vescovo Adelardo. — La forma attuale si deve a Ermolao Barbaro che resse la diocesi veronese (1453-71). — Verso la metà del sec. XVI il vescovo Giammateo Giberti concesse la villa e la chiesa ai chierici teatini, presso i quali ebbe dimora per qualche tempo San Gaetano da Thiene. — La chiesetta è romanica a corsi di tufo e cotto con qualche pittura smarrita attribuita a Nicolò Giolfino.
  2. «Ilis Gaietanus successit sedibus — Hospes — Tu genium sacri nunc venerare — loci».
  3. laorenti: mezzadri
  4. barchessa: ripostiglio per arnesi agricoli
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/91&oldid=66735"