Pagina:I sogni.djvu/202

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



2.


Gh'era in aria un cìo cìo de primavera,
che meteva in boresso tuti quanti;
ci vestiva una giaca più ligiera
e ci andava descalsi e sensa guanti;

i albari metea fiori galanti,
su i castei sventolava la bandiera,
e Bartoldo anca lu come da un vaso,
butava fora brufoli1 sul naso...

3.


Par combinar la ghigna de sto omo,
ah! no convien 'conomisar parole,
che çerti mostri sul portal del Domo,
j-era in confronto suo gropi de viole;

la so pele parea fata a spongìole
che j-è quei fonghi che vien zò da Como,
e le mane bison che te le cubi2
al bruschineto che se neta i tubi...3

  1. brufoli: foruncoli
  2. che te le cubi: che le paragoni
  3. tubi: i tubi della lucerna.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/202&oldid=66608"