Pagina:I sogni.djvu/139

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Le viole del pensiero:
— Cioci... poci... cioci... poci...

Sposini:
— E do ore dopo çena,
25ci sarà quei che ne tien?
Lui — G'ò un pensier che me fa pena...
Lei — ?!?
Lui — De volerte massa1 ben...
Lei — Benedeto sto pensier...!

La campanela del custode:
30 ...Dèn!

Le viole del pensiero:
— Eco un altro forestier!2

  1. massa: troppo
  2. Il giardino del Giusti, è uno dei monumenti naturali più visitato dai forestieri.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/139&oldid=66949"