Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/50

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


desfato, ma come de sora ho dito, i non el fexe per altro, salvo che per far sparpagnar la zente per le mure. Questo ponte se vignia a destender per mezo la porta del Chinigo, ma questo tal ponte mai si non fo destexo, e questo perchè el non fo de bexogno a lor turchi; sì che questo sono tuto quelo che hozi ha seguido, sì da mar come da tera; pur da tera non resta mai el dì con la note, de bombardar, e de andar butando mure asai per tera, e i nostri de ora in ora fazando de boni repari de bote e de tera, in muodo che el vignia quaxi ad eser sì forte come da prima. Freze e scopeti, nui ne avevemo da turchi senza numero niun, e cusì avevemo ogni zorno de queste frezari, e de le sue bombarde e de soi cridori, segondo lor consuetudine. —

A dì vinti pur de questo mexe de mazo, non fo fato tropo bataia, ni scaramuze, ni da mar, ni da tera ferma, nome1 segondo uxanza de bombardar, et agnora butando muro asai per tera, senza remision, e nui cristiani tosto fevemo boni repari al dito romper, de botami e bruscadure de vie,2 e de tera, per muodo, che l'era cusì forte come quaxi da prima. Ma a questi repari, homeni, e done, e puti, e vechi, e preti, e tuti comunalmente si lavorava a questi repari, perchè la cosa si importava, e questi repari si bexognava forte, per respeto che le bombarde si averia scovada tuta la tera, dove che quando le treva, quele se impiantava in li repari che iera fati de tera. Le iera queste bombarde grosse asai, ma una infra le altre si iera de pexo de livre mile e duxento, zoè la piera che la treva, avisandove, che questa bombarda quando che la se deserava in le mure, quela si feva deserar, e scantinar tute le mure de la tera, e tuto el teren de la cità, e per infina l'armae, che iera in nel porto, si resentiva questo gran tremazo. Da questo gran ton asai done si desperse dal gran spaxemo, che quele avea de la bota; mai in mundo non fo visto in tuta la paganìa la mazor bombarda de questa; questa si fo quela che butò tanto muro per tera, de la zitàe. Altro non seguì in questa zornada. —


A dì vinti uno de questo pur mazo, a hore do avanti zorno, se mosse tuta l'armada del turco, che iera sorta a le colone, e quela con gran vigoria si vene batendo remi per infina a la cadena del porto, i qual vene molto gaiardi con gran sonari de tamburi, e de nacare; questo fevei per farne a nui paura. E come questa armada si fo tuta per mezo la cadena, la se astalò, e stete per mezo el porto, e tuti

  1. tranne.
  2. viti.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/50&oldid=62508"