Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/55

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


2

El prudente Goffredo tien in stroppa
     Colori, che vien zoso à tombolon;
     Mà'l fà tanta fadiga, che l'è troppa,
     Quanta che si'l volesse co un'Urton
     Spenzer'i Castellani drio la Groppa
     Quando che i xè cazzai zoso in Casson;
     Al Tocco del Tintin i se la batte,
     E presto i mena, e co ordene le zatte.

3

I marchia via, che i corre anzi, che i sguola,
     E ancora d'andar tardi ghe despiase;
     Mà co se sona el segno della Tola,
     Segno, che in Semenario tanto piase:
     V'è quà quella Città, che ghe fà Gola,
     I vede Coppi, Campanieli, e Case;
     Alliegri tutti quanti in compagnia;
     Gierusalem, Gierusalem i cria.

4

Come quei, che xè stai via sù un Vascello
     Spasizieri, ò Mercanti, ò Marineri,
     Che in Mar i ghabbia bù qualche flazello
     De Borasche, e pericoli assae fieri,
     I butta dà allegrezza via el Capello,
     Se i torna vivi, e sani à i so Quartieri,
     E quando alliegri i vede terra arete
     Ai i patimenti no i pensa più gnente.

5

Quando, ch'ogn'un ghà dà la prima occhiada
     In quelle Sante Mure à torno à torno,
     Tutti daccordo i ghà dà una tremada,
     Che tutto'l sangue se ghà mosso intorno:
     I tien in terra la Testa sbassada,
     Che vardar no i ardisse quel Contorno,
     Dove xè stà, xè morto, e sepelio,
     E pò resuscitao el Fiol de Dio.

6

Come in ti Boschi co xè puoco vento,
     Che se sente quel strepito frà i Rami;
     O come à Lio quando'l Mar gh'urta drento,
     Che quei sussuri el fà, che i par Rechiami;
     Cusì se sente un certo stornimento
     De parole sott'Ose de quei Grami,
     Che mezi alliegri, e mezi spaventai
     I domanda Perdon de i so peccai.

7

I Soldai se descalza la Pedana,
     Che ghe dà Esempio i Capi con prudenza;
     El Capel col Penacchio, ò la Romana
     Se butta via de Testa, e se fà senza;
     Ogn'un vorrave far'una Fiumana
     De Lagreme ispirae da Penitenza;
     Mà come che i sia duri al pianto, i tende
     Da so posta à stizzarse, e i se reprende.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/55&oldid=59130"