Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/56

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


8

Caro mio Dio, pol'esser, che in quel liogo,
     Dove'l Sangue per mi havè buttà via,
     No me senta infiammao de santo Fuogo,
     Che pianza fin che resto in Angonia?
     Ah, che sì adesso in pianto no me sfuogo,
     Merito pianzer ben'in Vita mia;
     Pianzi, pianzi mio Cuor, che co sto pianto
     Ti me puol far in sempiterno Santo.

9

In tanto un, che la guardia fà in Cittae
     Sù un Campaniel'alto da un mier de brazza,
     Della polvere'l vede in quantitae,
     Che fatta in t'una Niola in sù se cazza;
     E ghe par, che in la Niola ghe sia assae
     Splendor, quasi del Sol fusse la fazza;
     Mà in sto mentre, che 'l stà co'l Batticuor
     El cognosse chì i xè con so dolor.

10

L'andava in tanto criando; O quanta, e quanta
     Polvere, che xè là fuora all'averta!
     Via, via, Fradelli, vegnì sù à millanta,
     Armeve, defendeve, steme all'erta;
     Po'l replicava più alto; V'è quà tanta
     Zente nemiga, che l'hò descoverta;
     Vella quà, vella quà, serrè le Porte,
     Presto, siè lesti ogn'un, metteve al forte.

11

Le Donne, i Putti, e i Vecchi dà Baston,
     Che per ste cosse no i val tutti un petto;
     In le Moschee i se butta in zenocchion
     A chiamar in agiuto el so Maometto;
     I altri più bravi stà sù saldi, e in ton,
     E zà i s'hà armà la Schena, el Cao, e'l Petto;
     Chì và alle Porte, chì alle Mure intorno,
     E Aladin và per tutto attorno attorno.

12

Doppo ch'i ordeni l'hà distribuio,
     In cima d'una Torre el se retira,
     Che xè appresso à dò Porte, e in caso rio
     Pronto el soccorre, e dà per tutto el smira;
     L'hà volesto menarse Ermina drio,
     Ermina, (ò come che sto Mondo zira!)
     Che doppo, che l'hà perso'l Pare, e'l Regno
     D'Antiochia, dà Aladin la xè in consegno.

13

In tanto con Clorinda una Masnada
     Contra i Nostri vien via, che i trà Cauriole;
     E Argante, quella Birba budelada
     S'hà sconto per pestarghe le Meole;
     Mentre culia và avanti per la strada,
     La ghe dà forza à i soi co ste parole;
     Bisogna ben, che con zioghi de Testa;
     Demo principio prospero à sta Festa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/56&oldid=59912"