Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 2.djvu/118

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


TERZETTI

IN LINGUA VENEZIANA

PER LE NOZZE

Di Sua Eccellenza il Signor

JACOPO BENZON

Colla Nobil Donna

ELENA MEMO.


L’ultimo dì del Mese dei Meloni, 1
     Al solito sentà al mio Taolin, 2,
     3Sento una ose a dir: Ghe xe el Goldoni?
No i me lassa mai star. Mo che destin!
     Ghe respondo: el ghe xe, coi denti stretti,
     6Mastegando la penna un pochettin.
Se i me vegnisse a domandar Sonetti 3
     Digo drento de mi, sia chi se sia,
     9Ghe rispondo de no senza rispetti.
Ghe n’ho fatto abbastanza in vita mia,
     No so più cossa far, nè cossa dir;
     12No ghe ne fazzo più, la xe fenia.
Che che non è 4, me vedo a comparir
     Sior Francesco 5 Pitteri scalmanà, 6
     15E el me dise: Ve prego a compatir,

  1. Il Mese d’Agosto.
  2. Tavola, su cui si scrive.
  3. Quì per Sonetti s’intende ogni Sorte di Componimento per Monache, o per Nozze, poichè in tali occasioni, chi domanda, domanda ordinariamente un Sonetto.
  4. Tutto ad un tratto.
  5. Quell’onoratissimo stampatore, che ha lasciato degna memoria al Mondo del suo talento, e delle sue amabili qualità personali, e che ha stampate molte opere dell’Autore, specialmente i dieci Tomi delle sue Commedie, intitolati il Nuovo Teatro Comico del Goldoni.
  6. Riscaldato.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_2.djvu/118&oldid=62339"