Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/40

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



21Basta che i primi merli sia perfeti,
     E me contento de far su e su;
     I segondi più tondi e più lascheti
     Farò che i sia per vadagnar de più.
     Anca nu femo i nostri negozieti,
     Za quei che compra se riporta a nu;
     E se ai marcanti demo del vadagno,
     Li podèmo comprar con del sparagno.

22La scufia co le coe ghe vol seguro,
     Le cascate a tre man, e 'l petoral;
     Se qualche quarta sparagnar procuro,
     Se la tegno per mì, no ghe xe mal;
     Za da ste cose chi no sa xe a scuro.
     E co se tagia ghe ne va de mal;
     Anca nu femo come fa i sartori:
     La bandiera de merlo co fa lori.

23Pasq. I bate; xe mia fia. Lugr. Pute tirè...
     Vardè culìa che sta col muso in sen;
     Goba, se fe cussì deventerè;
     Suso la testa. La me fa un velen!
     Pasq. Zito, cara Lugrezia, no criè,
     Che xe qua la mia puta, e spero ben:
     Lugr. No le vol obedir co no se cria:
     Oe! Chechina, bondì. Pasq. Bondì, fia mia.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/40&oldid=66784"