Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/38

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



15Lugr. Vu mo come saveu tute ste cosse?
     Pasq. Le so che me l'à dito un galantomo,
     Servitor de sta casa che cognosse
     Quel benedeto caro zentilomo,
     Pare de la novizza. Su le mosse
     El xe per andar via sto pover omo;
     E avanti de partir, l'ò sentìo mi
     De i so boni paroni a dir cussì:

16Za che la sorte me fa andar lontan
     Per qualche mese da Venezia mia,
     Za che a Mantoa per genio, e po a Milan
     Amicizia me chiama e cortesìa,
     E co sti Sposi se darà la man,
     Presente el mio destin no vol che sia,
     Col cuor, dove sarò, col mio respeto,
     Per lori pregherò Dio Benedeto,

17Che li renda felici, e che se unissa,
     Co la man, co la fede el genio, el cuor,
     Ch'el piaser de quel dì mai no fenissa,
     Ma ch'el deventa sempre più mazor;
     Ch'el Signor li conserva e benedissa,
     E ghe conceda i fruti de l'amor
     Per colmar la famegia de' contenti,
     Per gloria de la patria e de i parenti.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/38&oldid=66782"