Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/29

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Ei dice: Vederano la dongela
     Co le muneghe aliegra in compagnìa,
     E che tute ghe dicono sorela,
     E la togono in mezo e vano via.
     Vardano che la va in te la so cela,
     E per adesso l'opera è fenìa,
     Prego che chi la vede no la sprezza:
     Pace con questo, sanità e alegrezza.


Replico al gondolier: L'arte e l'ingegno
     Della macchina vostra io lodo e approvo;
     E non mi par della damina indegno
     Questo vostro bizzarro Mondonovo:
     Anzi adesso con voi prendo l'impegno,
     (Se stanco un giorno di compor mi trovo)
     Che andiamo per il mondo, voi, ed io,
     Mostrando in piazza il Mondonovo. Addio.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/29&oldid=66776"