Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/9

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Le xe cosse, Musa cara,
     76Che stampae no xe portenti.
No ghe vòi negar del bon,
     Co 'l morbin xe messo in moto,
     Ma cessada l'ocasion
     80No le pol cavar el goto.
I to pezzi da sessanta,
     I to pezzi più laorai,
     I ga el marzo in te la pianta,
     84I xe tuti magagnai.
No ti pol che dirli in rechia
     Ai rotoni, ai cortesani,
     O presente qualche vechia
     88Carga almanco de otant'ani.
Ma za predico al deserto
     Col mio don de profezìa,
     Fiasco grando, fiasco certo...
     92Damegiana, Musa mia.
E che gusto per quei grami
     Che te ga tanto su i corni!
     Oh che furia de epigrami,
     96Che bonmò da certi storni!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/9&oldid=58747"