Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/83

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


BRINDISI


FILII TUI SICUT NOVELLAE OLIVARUM
IN CIRCUITU MENSAE TUAE1


Aver in tavola,
     (Dise el Salmista)
     De fioli amabili
     Una gran lista,
Che vada unanimi,
     Che sia ben fati,
     Che sia piacevoli
     Senz'esser mati,
Prova certissima
     La xe che Dio
     Protege e premia
     Quel bon mario,

  1. Il Poeta avendo sempre in vista il religioso contegno del signor Sebastian Gaggio (avo della terza nipote che festeggia in questo Prindisi in occasione delle sue Nozze col signor Amadeo Mori di Rovigo) fa precedere un passo del Salmo Filii tui sicut novellae olivarum etc. e prende con ciò argomento di encomiare la fecondità della prosapia come un visibile contrassegno della benedizione celeste.