Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/50

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Per un Paroco no vegno
     16A pregarte de un Soneto.
Nobilissimo argomento
     Go per man da farte onor;
     Via sti libri; sul momento
     20Ubidissi e parla al cuor.
— La se quieta, gh'ò risposto,
     El mio caro Ciceron,
     Sto preambolo xe un rosto,
     24L'è un impianto belo e bon.
Dopo aver per compiacenza
     Varie volte fiaschegià,
     Ghe lo digo in confidenza,
     28Mi no fazzo più mezà;
Yogio dir, no aceto più
     Comission da chi che sia,
     Che ogni idea de schiavitù
     32Xe fatal per la Poesia.
— Ubidissi, e tiente in bon,
     L'Avocato à replicà,
     Che più bela comission
     36No s'à dà, nè se darà.
Una perla, un omo raro,
     Un legal de prima sfera,
     Generoso, a tuti caro,
     40Xe andà quasi soto tera.
De tre fiole, poverete!
     Che pareva tre Marie,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/50&oldid=62247"