Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/44

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



AI
CONIUGI GIOVIO
NELL'ATTO DI PARTIR PER MILANO

CANZONE

Pindarum quisque studet emulari.
Oraz.



Dito à un zorno Orazio Flaco:
     No pol esser che un macaco
     3Chi vol Pindaro emular;
Del Dedaleo zovenoto
     El destin a tuti noto
     6L'è sicuro de incontrar.
Ma del morto, con permesso,
     No go cuor de dir l'istesso,
     9Mio Casteli, in fazza a ti.1
Dopo l'Ode spiritosa,
     Che al poeta de Venosa
     12Gaverìa costa dei dì.
Xe Casteli un mongibelo
     Col se sente nel cervelo

  1. Spiridione Castelli che s'era distinto nell'occasione medesima con una bellissima Ode.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/44&oldid=61091"