Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/43

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Se slongar podesse l'indice
     Pagherìa mezo milion....
     Ve lò dito, no son lirico
     48Perdonème sta espression,
Ogni sera mando al diavolo
     Quele brute damigele
     Che ga pressa de coverzerghe
     52Forme a l'ochio cussì bele!
Quante grazie co magnifica
     La fa pompa de beltà,
     Superando la so imagine
     56Che la imita e perde el fià.1
Ma co in mezo al palco scenico
     La vien fora con quel scial,2
     Tiro i ochi, vado in estasi,
     60Stago là come un cooal.
Quela gara vicendevole
     Me colpisse, me inamora,
     De sta vita lo considero
     64El più caro quarto d'ora.
Se mi fusse Primogenito
     Vorìa farghe un bel Soneto,
     Ma de casa nato l'ultimo
     68A sto azardo no me meto.

  1. La Corally si vestiva ad uno specchio simulato ed un'altra dietro il telo, che figurava lo specchio, ripeteva gli stessi movimenti della Corally mantenendo così l'illusione.
  2. Bellissimo pas de deux col scial.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/43&oldid=58948"