Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/27

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     E a le cinque svegià me lavo el muso,
     123E de meza conquista in ton me meto.
Benchè de parar via no gabia l'uso,
     De un cavalo aprofito e de una sedia,
     126E co un omo da drio ghe monto suso.
La xe, te l'assicuro, una comedia;
     Mi lo tiro a levante, e lu, a ponente...
     129Basta che no la termina in tragedia!
In sti contorni un tempo alegramente1
     Ò passà d'inocenza i più bei ani
     132Co gera Chirignano pien de zente.
Che tempesta a Spinea de cortesani!
     Che flusso de carozze e de cavali!
     135Adesso no se vede che vilani.
Mi peraltro no bado a tanti mali,
     E troto per sti loghi abandonai
     138Senza parlar de imposte e de prediali;
Che pur tropo a far tera da bocai
     Dovemo tuti andar co xe el momento
     141E ga l'istesso fin richi e spiantai.
Ma la note vien zo dal firmamento,
     El grilo fa cri cri, la rana canta,
     144E de tornar in drio vogia me sento.
Per sigilar sta vita più che santa

  1. Il luogo dove il Poeta come ospite villeggiava era prima di sua proprietà quando la sua famiglia era stabilita a Venezia.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/27&oldid=58971"