Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/18

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Faghe veder la rovina
     Del to stato, da quel dì
     Ch'el bel nome de regina
     20Xe andà in fregole con ti.
Luse ancora nel to aspeto
     Un avanzo de maestà,
     Perchè senta Augusto in peto
     24Parlar dolce la pietà.
Del to libero paese
     Tropo chiara xe la storia
     Per dar vita a le to imprese,
     28Al to fasto, a la to gloria.
Lu sa ben in che maniera,
     Pescaora nata in mar;
     Fama ilustre de gueriera
     32Ti à podesto meritar.
Lu sa ben che fioli toi
     Tanti bravi peruconi
     Egual vanto ga d'eroi
     36Co i Fabrizi e co i Scipioni;
Che a l'ardir del to Lion
     Tento el mar xe sta de rosso,
     Che de l'arme al paragon
     40Xe cascà più de un colosso;
Che del vinto Grego a scorno,
     Con stupor de tuti i popoli,
     Un to Dose, onor del corno,
     44À chiapà Costantinopoli;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/18&oldid=58675"