Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/17

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CANZONE A VENEZIA


RIGENERATA DALL'AUGUSTA PRESENZA DEL SUO

BENEFICO IMPERATORE E RE

FRANCESCO PRIMO



Bona Vechia malmenada,
     Suga i ochi e date cuor,
     La to sorte xe cambiada,
     4Vol cussì l'Imperator.
Quel eroe te lo promete
     Che in virtù no ga el secondo,
     Se in lu dorme le vendete
     8Dopo aver coreto el mondo.
Se per veder le to piaghe,
     E contarle una per una,
     Da le armigere so plaghe
     12L'è venudo in sta Laguna.
Bona Vechia, suga el pianto,
     E con tuta libertà
     Descoverzeghe quel manto
     16Da le tarme rosegà;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/17&oldid=61081"