Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/12

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Assae più d'una corona,
     Che per tuto la rendeva
     16Rispetabile matrona;
Che dai ani cariolà,
     Benchè re de tuti i corni;
     Su l'altar de libertà
     20L'à finìo, da porco, i zorni.
Gran memorie, Consegier!
     Per chi à visto sto paese,
     Sede un tempo del piacer,
     24Rovinà dal mal francese!
Per chi in mente ga la storia
     De sto povero paluo,
     Dopo secoli de gloria
     28E venduo e revenduo;
Per chi à visto el rosto infame
     De la fezza democratica
     Superar l'ingorda fame
     32De la fezza aristocratica;
Per chi pensa a la burlada
     Che n'à dà la Franza indegna,
     Co za gera decretada
     36Ai Tedeschi la consegna;
Nel momento che inzucai
     Se balava el menueto
     Per un palo infatuai1

  1. L'Albero della Libertà.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/12&oldid=58373"