Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/11

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LAMENTAZIONE

AL

PREFETTO DI VENEZIA

DURANTE

IL BLOCCO DELL'ANNO 18121


Co le lagreme su i ochi
     E col cuor tuto strazzà,
     Puzo in tera i mi zenochi
     4E domando a vu pietà.
Per la patria la domando
     Che xe in fregole ridota,
     Che va in coro sospirando;
     8Che ghe manca la pagnota!
Per la patria che regina
     Del so mar un dì xe stada,
     Finche un beco da rapina
     12Senza corno l'à lassada;
De quel corno che valeva

  1. Il Poeta colse un amarissimo frutto da questa Composizione letta alla tavola del Prefetto, e sparsasi poi in copia. Serras, Governatore di Venezia, lo fece arrestare e condur prigione.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/11&oldid=59194"