Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/95

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Fia, el so, le done mai vol aver torto;
     E ti, che per parlar ti è un capo d'opera,
     219Ti vol rason o per dreto o per storto.
Apolo, che ti è un omo in verbo ed opera,
     Fa a mio modo, sta volta daghe el vanto;
     222Che se sol dir: Chi à più giudizio el dopera.
Tuti se quieta, e comparisce intanto
     Ganimede con goti e gotesini
     225De ambrosia, che la gera mo un incanto!
Le Dee con quei so amabili bochini
     Andava sorsegiandola a bel belo,
     228E le sfiocava prindesi divini.
Baco ghe n'à bevù più d'un mastelo,
     E fin Minerva, che del vin xe abstemia,
     231Col goto che gh'à sporto el Dio de Delo
Un prindese l'à fato a st'Academia.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/95&oldid=66276"