Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/91

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     105Che forse el mondo no ga bu el più grando.
Largo, largo. Eco Alcide, eco qua el mato
     Che precede el vegnir del gran tonante:
     108Che largo in un momento ch'i gh'à fato!
Come quando ch'el Sol sponta in levante,
     Portando a l'universo el so splendor,
     111Le stele ghe dà logo tute quante;
Cussì anca a Giove; no gh'è Dio minor
     Che no ghe fazza riverenze e inchini,
     114E no pieghi el zenochio a farghe onor;
E lu con modi afabili e divini
     Va a sentarse sul trono; e tuti lori
     117Se ghe senta per ordine vicini.
Po voltà ai litiganti, el dise: Siori,
     Son qua per pronunziar la mia sentenza,
     120Via vegnì qua, za so che sè dotori.
Apolo, che xe pien de convenienza,
     Fa noto a Pala che la se presenti.
     123Ela principia co una riverenza:
Padre e signor de le increate menti
     Se mai... ma Giove ghe risponde: Mata,
     126Animo presto e senza complimenti.
Donca, la dise, Padre, qua se trata
     Che decidè per vostra e per mia gloria
     129D'una question che la me par spacata.
Tolè pur per le man tuta l'istoria,
     E vedarè che no gh'è arte o scienza
     132Che no abia relazion co la Memoria.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/91&oldid=66269"