Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/82

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SOPRA L'INCENDIO ACCADUTO


NELLA CONTRADA DI S. MARCUOLA


SONETTO
ESTEMPORANEO A RIME DATE


Dove trovar qua xo in sta tera — Pase?
     Cossa vol dir son bon, a tuti — Piaso,
     Go campagne, go fabriche, go — Case,
     Ancuo vesto vigogna, e doman — Raso?

Se quando manco penso, e che in mi — Tase
     El sospeto, el timor, oh Dio, che — Caso!
     Vedo con mio dolor a tera — Rase
     Cinquanta case in un supiar de — Naso.

El fogo a San Marcuola xe — Vegnuo,
     E fa che tanti grami no — Voràve
     Essere al mondo certo al dì d' — Ancuo.

Se mi avesse da dir, per mi — Diràve,
     Che no vorave gnanca esser — Nassuo,
     O se nato, esser pomi o peri o — Rave.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/82&oldid=59815"