Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/81

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PROPONIMENTO DELL'AUTORE


Penso de no voler mai più pensar
     A cosse cheme daga dispiaser,
     E fermo penso de mai più voler,
     4Per quanto mal sucede, disperar.

Vòi divertirme, bever e magnar,
     Vòi sempre rider, sempre vòi goder,
     Nè in altro doperar vogio el pensier
     8Che in cercar gusti novi d'imparar.

Cussì son certo de mai più sentir
     Nissunissima sorte de dolor
     11Su quel che nasse e quel che pol vegnir...

Ma rifletendo ben su sto tenor;
     Poderogio in sta impresa riussir?
     14Dubito se no cambio testa e cuor.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/81&oldid=59814"