Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/75

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL CONTE


ALESSANDRO PEPOLI


FAMOSO AURIGA


Se 'l povero Fetonte fusse stà
     Capace come vu nel parar vìa;
     I sturioni de Po no gaverìa
     4L'ingorda fame a spale soe sazià.

Mi mo, che vanto sempre verità,
     E che adular nissun mai poderìa,
     Sentì per mia opinion quel che dirìà
     8Su la vostra famosa abilità.

Dirìa donca, che credo fermamente
     Che quelo de Fetonte, no sicuro,
     11Ma sucedeva un altro inconveniente;

Che a forza de scuriar e tegnir duro,
     Come ve vedo far presentemente,
     14Ne fevi star quatr'ore prima a scuro.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/75&oldid=59808"