Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/67

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



In fatti il suo favore,
     La sua piena influenza
     840Presso l'Imperatore del Giappone...
     E questa poi sarebbe
     Opera illustre e degna
     De' suoi talenti e della sua pietà...


„Ah! ah! Poi, Padre,
     845Ò capio tuto e ghe rispondo in bota.
     Anzi le cortesie
     Che la m'à praticà qua sta matina,
     Senz'ombra come sento d'interesse,
     Ghe dà un vero dirito
     850Su la mia ingenuità. Ghe dirò donca
     Che scienze, arti, ignoranze
     E vizi e pregiudizi e ipocrisia
     Vestia de divozion, ghe n'è xe vero,
     Forsi quanta in Europa, anca al Giapon:
     855E quelo che sucede
     Sui ochi de la Fede,
     E tra i lampi de le Università,
     Poco su poco zo, nasce anca qua:
     Ma Ura-Kan ga per massima
     860Quel famoso proverbio venezian:
     Che quando la va ben tanto che basta
     A tetarghe in tel cesto la se guasta...

Niente, Eccellenza!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/67&oldid=70027"