Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/66

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Che 'l ga mo torto el codice Chinese,
     Che no vol forestieri nel paese.
     Fina che gh'è un Ministro che sa dirla,
     Che gh'è un Sovran che se la lassa dir,
     820E se aprofita de la verità,
     Torìa l'impresa mi de sto casoto!
     Conosso là in Europa
     Un chiapo de curiosi,
     Che coreria le poste a precipizio
     825Per veder sto prodigio; altro che l'ombre!
     Saltadori e pagiazzi
     Qua co sta rarità faria bezzazzi!
Oh! padre, la solevo e la ringrazio...”

Oh! perdoni, Eccellenza! Io stesso devo
     830Pormi a' suoi piedi...


„E se mai posso, sala...”

Corbezzoli, Eccellenza, s'ella può!
     Non avria da dovero che a volerlo...
     Ma questo non è il tempo, non è il luogo...


835„No, no; la diga pur, magari!...”

Incolpi dunque la sua bontà se mi fo ardito...

„Eh! franco, Padre.”

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/66&oldid=70026"