Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/44

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Rendeva inevitabile la guera.
     230Ura-Kan, che voleva
     El vero ben dei omeni, la pase,
     Smaniava note e dì per stanar fora
     Tra i grandi del so regno
     Qualche spirito pronto,
     235Scozzonà nei ripieghi e nei raziri,
     Da mandar qua a Pekin ambassiador
     A tratar co destrezza,
     L'argomento in question,
     E salvar co l'onor
     240L'interesse e la calma del Giapon;
     Ma per quanto el cercasse
     Nol se trovava intorno
     Che tangari e bardasse.
Un dì che tavanà da sto pensier,
     245L'era a la cazza, giusto
     Su le mie tere, colto
     A l'improviso da la bissabova,
     Che manda a gambe fin la Monarchia,
     L'è sta in necessità de ricovrarse
     250Co tuta la so Corte in casa mia.
L'à domandà de mi: L'ò ricevudo...
     La se pol figurar, l'Imperator!...
     E po, no se burlemo, ghe dovevo
     Vita, sostanze e onor!
     255M'ò richiamà a memoria
     Quel che Alvise Pisani

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/44&oldid=70004"