Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/43

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Sventolando la sciabla su la testa,
     M'aveva fato sparir via bel belo
     I fumi de la boria dal cervelo:
     E come 'l gato o 'l can,
     205Che una volta scotà sconde le zate,
     A l'uso venezian
     Avevo messo colarin d'abate;
     Voi dir che rinunziando
     A la mia dignità Cubicularia,
     210Gera passà in bon'aria
     A far vita più quieta, e più sicura
     Fra l'ozio e le delizie,
     Che dispensa in campagna la natura.
Là no passava dì che no vegnisse
     215Qualcun dei mii coleghi a visitarme
     A maledir le trame de l'invidia,
     E a sfogar con un libero lamento
     Le smanie de i so torti;
     Mi rispondeva sempre più contento
     220'Vidi e conobbi anch'io le inique Corti:
     E avevo in conseguenza anca zurà
     De no moverme più mai più de là.
     E passai gera in fati quindes'ani
     Che viveva là in quiete,
     225Senza lezer mo gnanca le gazete,
     Quando sie mesi fa tra le do corti,
     De la China voi dir e del Giapon,
     Xe nato un dissapor che presto o tardi

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/43&oldid=70003"