Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/25

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Mamao de bon umor, nel congedarme,
     465Scordandose a dretura l'eticheta,
     Che fa un delito de l'urbanità,
     M'à butà i brazzi al colo e m'à dà un baso
     Giusto mo qua su la ponta del naso.
Sto ecesso de favor xe andà sui fogi,
     470Xe fiocai memoriali,
     Le visite, le dediche, i regali;
     Son deventà, che soimì, un capitelo;
     Tuti à volesto aver el mio ritrato
     Per meterghe davanti el cesendelo;
     475E basta dir, che i astronomi e i poeti
     Per eternar la fama del mio nome
     À tirà caregoni, e à decretà
     Che da quel zorno l'iride
     O la prima meteora,
     480Che nel ciel del Giapon splendesse in arco
     S'avesse da chiamar l'astro de Marco:
     E perchè 'l tempo, che ga bona boca
     E sol far sopa sina dei cognomi,
     No mogiasse anca 'l mio
     485Ne l'acqua de l'oblio come un pandolo,
     I à dà a l'orbe teraqueo un terzo Polo.
Ma chi spica trope rose
     Più d'ogn'altro dà nel spin:
     (Dise 'l parente del fu beco e dose
     490Ne la fiaba del Grilo e 'l Calalin.)
     Quel maledeto baso

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/25&oldid=69987"