Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/21

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


De medagioni d'oro (de sta pegola!)
     Che rodola cantando per sofita,
     360E po no basta minga, e po un scravazzo
     De cogoli preziosi, vogio dir,
     De diamanti (cussì!)
     De smeraldi, rubini, e sie dozene
     De perle grosse come peri gnochi!...
     365La ride? E pur mi so che qua a Pekin
     La voràve spazzarghene mo anch'ela
     Qualcuna de più grossa e de più bela!
     Bianche po, e d'un splendor,
     Che le ricorda apena
     370El riflesso de l'onde a Luna piena.
No ghe descriverò la mia sorpresa,
     La mia consolazion; ghe dirò ben,
     Che se un colpo improviso de fortuna
     À spesso orbà qualche cervelo, a mi
     375M'è mo nato el contrario, e m'ò sentio,
     Proprio con istantaneo benefizio,
     Bater le catarate del giudizio.
Ò rissolto cambiar vita a dretura,
     E per spontar afato le locali,
     380Le consuetudinarie tentazion,
     Ò sunà tuto, e insalutato hospite
     Son partìo da Venezia col tesoro;
     E me ricordo, che butando l'ochio
     Per viazo sul forzier
     385Ridevo del Fiscal del Cataver.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/21&oldid=69983"