Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/20

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     330Me meto a cufolon, destendo i brazzi,
     Slargo le man, e branco una casseta!
Per scassinarla al chiaro
     Tiro a mi quanto posso...
     Punfete! a gambe col coverchio adosso.
335La gera marza! Figurarse! i tarli
     Per tresento quaranta o cinquant'ani,
     Laorando sete dì a la setimana,
     Se l'aveva ridota
     Una spezie de sponza in filagrana.
340Smanioso, ingaluzzà,
     Bisego drento, e tra
     La polvere e le tarme tiro fora
     Un valisoto lacero,
     Che aveva mo anca lu
     345Consumà 'l so curame
     Cavando a quei tre secoli la fame.
Sbrego zo in pressa quel che resta, e trovo
     Un scartafazzo in pecora fumada
     Col titolo de' Viazi
     350De Marco Polo, in caratere gotico
     E in venezian, che come ò visto dopo,
     Gera giusto el Giornal Storico esato
     Del viazo che al Giapon l'aveva fato.
Lo buto in t'un canton, torno a pescar,
     355E vien su una bissaca
     Che se me desfa in man, e lassa andar
     Uua tempesta suta

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/20&oldid=69982"