Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/81

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Vedeu, lu dise: che gavemo tuti
     500Al nasser nostro 'na costelazion,
     Anzi una stela, e questa fa che astuti
     Alcuni sia, che un altro sia un minchion,
     Che a chi ghe piasa i vovi, a chi i persuti,
     A chi piasa sentir criar: oa,
     A chi sentir sonar tarapatà:
Quelo vorave andar sempre a cavalo,
     Questo sempre in carozza, e st'altro a piè;
     A chi ghe piase molto el color zalo,
     A chi ghe piase el bianco, a chi el tanè;
     510Chi vol brodo de vipera, o de galo,
     Chi sorbeti, chi ponchi, e chi cafè,
     E questo per l'influsso ne sucede
     Che ga le stele che su nu presiede.
Oltre de questo el dise, che le fa
     Più stele unite insieme una figura;
     Altre d'un Can la forma le ne dà,
     Altre d'un Porco, o pur d'una Creatura,
     Altre un gran Asenon come che va,
     Altre un Beco o una Cavra le figura;
     520Altre un Cavalo, una Formiga, un'Anza;
     Altre una bela Puta, altre una Manza.
Cussì se dà che sempre nu se tremo
     Un animal, o l'altro a somegiar,
     E con quel nome spesso nu chiamemo
     Tuti quei che se vol rimproverar;
     Ma lassème che diga: no dovemo

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_5.djvu/81&oldid=62176"