Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/82

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Dir gnente nu su sto particolar;
     Perchè, cossa ghen pol Sempronio o Tizio
     Se'l porta in lu de la so bestia el vizio?
530Bisogna anca saver che tuti nu
     Soto una sola stela semo nati,
     E che za ghene vol molte de più
     Per formar sti animai come i va fati;
     Per questo molti e molti se tol su
     D'Arpie, de Porchi i titoli onorati,
     Quantunque tra le stele no ghe sia
     Altro che un solo Porco e che un'Arpia.
Ma per tornar a quel che ve diseva,
     Sapiè che in mezo a tuti sti animai
     540Ghe xe anca el Lovo; infati el ghe voleva.
     Ghe xe anca Osei; se no i ghe fusse, guai!
     E mi nato sarò co se vedeva
     I Oseleti col Lovo a star tacai,
     E la vogia che al Lovo ghe sarà
     Venudo alora el m'à comunicà..;
Ma qua cossa se fa
     Cussì senza magnar?
     Me par che gh'è de l'altro da portar.
Ah el xe qua l'intingoleto
     550Tuto quanto Becafighi:
     Ah el gran otimo Oseleto!..:
     Oh le magna po, che questo
     El xe fato qua per ele...
     No le vol? proprio mi resto

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_5.djvu/82&oldid=62177"