Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/65

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Gnanca un beco d'Oseleto.
     No, ve digo, perchè 'l beco
     No lo buto minga via;
     Guai, per dia!
     L'è un bocon
     Tanto bon...
Mi vorìa che me vedessi,
     Quando magno i mi Oseleti,
     Come meto i so becheti
     60Tuti quanto separai
     In t'un piato picinin,
     Che me tegno da vicin.
     E po dopo che ò finìo
     De magnarme sti Oseleti,
     O che 'l piato go impenìo,
     Me i destrigo tuti neti;
     E che gusto, che i me da!
     I me fa
     Richiamar tuti a memoria,
     70Anzi digo, sul palà
     I me chiama tuti i gusti
     Dei Oseleti ch'ò magnà.
Oh che gusto magior d'ogni gusto
     Se podesse goderlo in eterno!
     Oh che gran felicità!
     E pur tanti ghe xe stà,
     Che lo ga fin disprezzà.
E ti filosofo

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_5.djvu/65&oldid=62161"