Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/66

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Ti xe Pitagora?
     80E dei Demagora
     Ti trovarà
     Che le to legi
     Le to sempiagini
     Adularà?
Mi ve digo che, per sbrio,
     El più scioco no gh'è stà;
     Basta dir, che l'à proibio,
     Come el tipo d'ogni mal,
     A tuti i omeni,
     90Ai vechi, ai zoveni,
     Fin a le femene,
     Fin a le gravide
     Magnar carne d'animal....
     Mi per far a l'incontrario
     De quel testa de cocal
     Voi magnarghen fin che posso,
     E co più no podarò
     A la romana me tirarò
     Duro duro
     100Arente un muro,
     E co un deo zo par la gola
     Darò un ordene pressante;
     “Che qualunque viandante,
     Che si trovi in quel distretto,
     Sia nel ventre, sia nel petto,
     Alla vista di quel dito

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_5.djvu/66&oldid=62162"