Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/46

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Xe un rimedio che 'l più raro
     No ghe xe dopo el Friularo.
Se ve dol i denti in boca
     250Una feta apena cota
     Aplichèla
     Cussì calda a la massela;
     Fe l'istesso in qualche dogia
     Che ve dà un dolor da bogia,
     255Sia pleuritica, o sciatica,
     E ve parlo ben per pratica.
Se per caso studiè l'etica,
     No stè a tor brodi de vipera,
     De gagiandra, nè de gambaro,
     260Nè tanti altri diavolezzi
     Che destruze vita e bezzi.
     A bon'ora ogni matina
     Feve far la Polentina,
     E magnèla a scota deo,
     265Se crepè me tagio un deo:
Se gavè... ma cossa è sta?...
     Gran secae! che i vegna qua...
     Oh! cospeto! benedeta!
     Sì, dasseno una casseta
     270De Farina bergamasca
     Che me arriva da Somasca.
     Digo ben che la go cara...
     Oe, vardè che cossa rara!
     Che color! che bel zalon!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_5.djvu/46&oldid=62144"