Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/26

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Gambe e brazzi va a le stele!
     Canonae,
     Schiopetae,
     Sabolae...
     505Mi no voi ste baronae.
     Vedeu là quel caratelo?
     Quelo xe 'l mio Colonelo;
     Quele zuche e quei bocai?
     Quei xe tuti i me Oficiai.
     510Quele tazze e quei fiascheti?
     Le me spade e i me moscheti;
     Nè per mi ghe xe botin
     Più prezioso de sto Vin.
     Vardèlo,
     515Nasèlo,
     Gustèlo
     Provèlo d'inverno, d'istà,
     Bevèlo scaldà,
     Bevèlo giazzà,
     520Che sempre el troverè una rarità.
Dolce amigo, vien qua dame un baso...
     Mo che odor che rapisee ogni naso!
     Che cimozza che l'ochio consola;
     Mo che godi col toca la gola!
     525Altrochè ciocolata e cafè,
     Che sorbeti, che ponchi, che tè!
     No gh'è gnente che sia più perfeto,
     Che me daga più gusto e dileto.