Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/25

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Dove fusse scrito a pegola
     Con carateri da fabrica:
     475Vegna qua chi vol Vin bon.
     Pofardìa, che bel spetacolo!
     Sentiressi che gran strepito,
     Che farave un mar de popolo
     Co i so viva festosissimi!
     480Vederessi che concorso!
     Altro che Fantini e Corso!
Deme, deme quel fiascon:
     El me par sempre più bon...
     Oh, cospeto, l'ò svodà!
     485Vegna un altro, vegna in qua.
     Vegna, vegna... maledeti!
     Anca qua portè i Fogieti?
     I me fa vegnir i grizzoli;
     No gh'è i soldi più strupiai;
     490No i discore che de guai,
     Che de bombe e de canoni,
     Che de morti e de ferii...
     Vostro dano, i mì minchioni;
     No i me cuca minga mi.
     495Andè pur, andè a la guera,
     Feve pur tagiar a pezzi,
     Che mi salvo el centopezzi
     A l'onor de sta bandiera.
     Qua cervele,
     500Là buele,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_5.djvu/25&oldid=55391"