Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/89

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXXVII


Certe burlete co' me vien in mente
     Fate, e no poche no, per farse strada
     A dar in libertà qualche sorada
     4Zo in tera dal gran Giove onipotente;

E quela po de Danae spezialmente,
     Che dal pare spavio, benchè inchiavada
     In t'una tore, el ghe la ga ficada
     8Trasformà in piova d'oro astutamente;

Un gran dubio me nasse in cuor, Nineta,
     Che dei to Cavei biondi el bel tesoro
     11Esser possa qualche altra so burleta.

De fato, se da niovo el re dei Dei
     Volesse trasformarse in piova d'oro,
     14Che oro più bel de quel dei to Cavei?