Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/8

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


fa al dì d'ancuo l'Italia ghe tira adosso con gran rason i rimproveri de le Nazion forestiere. Dio vogia che la 'l capissa una volta, e che la se corega! Lodo nonostante qualche Traduzion dei capi d'opera, ma no lodo quel tradur de tuto senza badar per tuti i so versi a quel benedeto deceat an non, e molto manco quel alzar a le stele in ogni incontro e senza nissuna destinzion ogni e qualunque opera foresta. Ma su sto proposito el m'à dito tante altre belle cosse, e tante altre verità, che se no 'l fusse me amigo (perchè questa sarave la maniera de renderlo odioso) le vorave publicar: ma essendo lu de un caratere che merita tut'altro, tagio sto discorso, e torno ai Soneti. L'Autor se li gera scordai afato, e come lizieresse de zoventù li avea butai in t'un canton, e ò dovesto far forza a cavarghe sti pochi da le man per presentarveli. Lezè intanto questi, che se zonzerò a saver che i ve piasa, come spero, vardarò per devertirve de cavarghene dei altri che za su sto istesso argomento,