Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/7

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Se 'l ghe sia riussio o no, anca de questo deciderè vu altri; l'azardo solo merita però qualche lode, e xe certo più da stimar chi se azarda a dar qualcossa de original de chi se perde drio a le traduzion. No so capirla (me diseva un dì su sto proposito l'Autor) non so capirla come al dì d'ancuo sti nostri leterati Italiani sia deventai cussì vili, che o i se perde a scriver preceti, o a far traduzion. Cossa serve i preceti in bele letere? O gnente, o poco. Letura scielta de boni autori, testa quadra, e basta: ma co' no la xe stà donà da la Natura xe inutili tuti i preceti. Pazienza se sti Precetisti andasse almanco d'acordo! i se contradise anzi fra de eli più dei sistemi dei filosofi, nè se sa come far a risolverse a giudicar chi insegna megio in materia de gusto; mo no sarave megio che i studiasse de darne un esemplar, che questo sarave el preceto dei preceti? Se parlemo po de le Traduzion, generalmente parlando mi digo, che le serve de ostacolo ai progressi del spirito, e l'abuso che ghe ne