Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/66

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LIV


Co se vede Cavei desparechiai,
     Butai zo per le spale e per el muso,
     Senza manteca, senza polver suso,
     4Se ghe dise Cavei da spiritai;

Ma i toi, Nina, quantunque sgrendenai,
     Ingrintai, trati là tuti in confuso,
     Co' per el più portarli ti ga in uso,
     8I par sempre belòni più che mai.

Che come che i xe bei de so natura,
     Giusto quela tal qual trascuratezza,
     11Quel desordene e quela sprezzatura

Fa veder quanta xe la so belezza,
     E senza ajuti d'arte, o cargadura
     14Fa spicar tanto più la so biondezza.