Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/50

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XXXVIII


Me magnarave dal velen che go,
     Sentì, sentì quanto son stà minchion:
     Trovo Amor, che dormìa drento a un machion;
     4Pian pian ghe salto adosso, el zuffo, e po

Ghe digo: Eh no gh'è scampo qua baron;
     Ti m'è cascà in le sgrinfe! Adesso mo
     Tiòme in bota dal cuor sta Coa, se no
     8Te mazzo al corpo... al sangue... al cospeton...

Son qua, el ziga, pietà, si son qua, el cria,
     Pianze, me fa promesse d'ogni sorte;
     11Bambin, ghe credo, el molo, e 'l svola via;

E sgolando el me dise: Eh, cordonazzo,
     Far quel servizio no te pol che Morte.
     14Ah! che se 'l cuco più subito el mazzo!