Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/43

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XXXI


Quei soli che ama pol imaginarse
     Che pena xe lassar un caro ogeto!
     Su quel ponto fatal del destacarse
     4No me volea più star l'anema in peto:

À scomenzà anca Nina a smorta farse,
     E dopo qualche caldo sospireto
     La s'à messo, pianzendo, a lamentarse
     8Del cativo destin del nostro afeto.

Che non è, la tra fora de scarsela
     La so forfeta, e la se tagia via
     11De Cavei 'na Drezzòla intiera e bela.

Tiò, la me dise co una gran passion,
     Porteli adosso per memoria mia.
     14Oh parole! oh regalo! oh division!