Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/19

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


VII


Vaga a Venezia subito a dretura
     Chi vol aver motivo de stupor,
     E veder vol cossa sa far Natura
     4Co' in impegno la xe de farse onor.

Venezia solo de sta gran ventura
     Xe stà degna, e la à bu sto gran favor;
     Là ghe xe la più bela so fatura,
     8La magior prova del so gran valor.

El vedarà una Drezza de Cavei
     De undese quarte, dei più fini e biondi,
     11Dei più rizzi, più folti, e dei più bei.

E scometo per sbrio l'istessa testa,
     Che no se pol trovar per tuti i mondi
     14Cossa più bela e rara più de questa.